Tweet


DEMOCRAZIA
Regime politico in cui i governi sono espressione dei governati, o meglio della maggioranza di essi.

DEMOCRAZIA DIRETTA E OLIGARCHIE. In epoca storica la democrazia sorse presso alcune polis greche, segnatamente le colonie ioniche dell'Asia minore (VII-VI secolo a.C.) e soprattutto Atene dal V secolo. In queste comunità ristrette le responsabilità politiche venivano delegate a singoli o a magistrature collegiali dall'assemblea di tutti i cittadini (maschi e liberi) o per sorteggio e per periodi in genere non superiori all'anno. La formulazione teorica venne da Aristotele (IV secolo a.C.), che contrappose la democrazia alla "monarchia" (governo di uno solo) e all'"aristocrazia" (governo di uno strato sociale superiore). Anche a Roma, caduti nell'VIII secolo a.C. i re, il populus aveva base ristretta: le massime magistrature erano elette dagli uomini in grado di portare le armi. Le magistrature, tutte collegiali, non esercitavano però poteri totali. La direzione politica fu per secoli (VIII-I a.C.) saldamente in mano al Senato, rigorosamente riservato ereditariamente (quindi non elettivo) a un ristretto gruppo di famiglie "nobili" (poi gradualmente ampliato). Magistrati e Senato avevano dal 494 a.C. un limite nell'invalicabile potere di veto del tribuno della plebe, elettivo. Gli stranieri assoggettati ottennero il diritto di partecipare alla democrazia romana attraverso la cittadinanza man mano che si ampliavano i domini di Roma (finché nel 212 d.C., quando aveva ormai perduto ogni influenza sul potere reale, essa fu estesa a tutti i sudditi liberi dell'impero), ma donne e schiavi continuarono a esserne esclusi. Il declino e il crollo delle democrazie antiche non consistette nella distruzione delle loro istituzioni (piuttosto snaturate e svuotate che abolite). Esse erano fatte per pochi (oligarchia), che ne persero il controllo, mentre se ne avvantaggiarono molti altri che erano stati ammessi a parteciparvi, ma che non trovarono in quegli istituti strumenti adeguati di rappresentanza. Da qui il sorgere di poteri personali di mediazione (vedi cesarismo). L'elezione del re, sia pure a vita, da parte dei guerrieri presso le popolazioni germaniche che penetrarono nei territori dell'impero romano (III-VIII secolo) conferma l'origine oligarchica della democrazia prevista per comunità limitate. Il meccanismo feudale, dai Carolingi (IX secolo) in poi, adattò l'esigenza di controlli incrociati e di limiti ai privilegi personali a una società etnicamente, religiosamente e socialmente mutata nel profondo in seguito all'avvento del cristianesimo, al declino dello schiavismo e alla fissazione della forza lavoro alla condizione sociale di nascita. Il messaggio evangelico fomentò tuttavia per tutto il Medioevo una ricorrente predicazione egualitarista che sfociò spesso nella creazione di comunità, ancora una volta ristrette, rette a democrazia diretta, non di rado estese anche alle donne, ma sempre perseguitate spietatamente come eretiche dal potere politico-religioso, che se ne sentiva minacciato. Anche nei comuni, nelle repubbliche cittadine, nelle città libere dell'impero, dopo il Mille il potere venne parzialmente delegato da un'oligarchia, spesso con strumenti elettivi sofisticati misti al sorteggio (come nel caso di Venezia), ad apposite magistrature (talvolta assegnate, per maggior cautela, a forestieri, come nel caso dei podestà), che non furono mai espressione di tutti gli strati della società. Qui però il "popolo", pur escludendo sempre le donne, assunse contorni e consistenza più precisi man mano che all'aristocrazia feudale ed ecclesiastica si contrappose la borghesia, particolarmente gelosa delle proprie immunità corporative e appellantesi a un potere superiore contro la prepotenza aristocratica. Proprio allora la sovranità popolare venne teorizzata da giuristi regalisti, per i quali cioè il "popolo", astratto insieme di soggetti sociali non precisati, delegava una volta per tutte il proprio potere al sovrano, re o imperatore che fosse. D'altronde, in ambito germanico, la monarchia rimase fino alla caduta del Sacro romano impero (1806) formalmente elettiva, ma ovviamente il corpo elettorale era ridotto a un ristrettissimo novero di grandi signori e prevaleva la consuetudine di ratificare elettivamente, salvo eccezioni, una successione ereditaria. Perfino l'elezione del pontefice non si sottrasse mai, eccettuata l'ereditarietà, a questa regola. La disputa interna ai regalisti (e, per la Chiesa, tra conciliaristi e non conciliaristi) consisteva semmai sulla revocabilità o meno del potere da parte del corpo elettorale. La democrazia funzionava cioè a quegli alti livelli come funzionava all'interno di ciascun corpo in cui era suddivisa la società di ordini, ciascuno dei quali sovrano nel proprio ambito e al di sopra dei quali faticò a imporsi lo stato come cosa di tutti. Questo pensava invece N. Machiavelli (1469-1527) quando contrapponeva al principato (regime monocratico) la repubblica (regime, anche monarchico, ma articolato e con pluralismo di poteri). La Riforma protestante riprese il concetto di democrazia estendibile a tutti i fedeli come comunità di credenti, ma ben presto prevalsero o il modello gerarchico cattolico o quello settario-teocratico delle singole confessioni. Anche la rivoluzione inglese della metà del XVIII secolo, per tanta parte alimentata dal calvinismo, represse con ferocia le sue frange più accanitamente egualitariste e democraticiste e sfociò in una dittatura (O. Cromwell) che volle addirittura farsi ereditaria, ma che non poté resistere all'organismo di rappresentanza di ordini tipicamente medievale, il parlamento. In seguito (1688) quest'ultimo ottenne una monarchia costituzionale limitata da un sistema di contrappesi istituzionali. In questo senso già J. Althusius (1557-1638) aveva corretto l'indicazione machiavelliana, parlando di poliarchia invece che di repubblica (1603).

VOLONTÁ POPOLARE, CONTRATTUALISMO E DEMOCRAZIA RAPRESENTATIVA. L'assolutismo fece coincidere l'astratta "volontà popolare" con la volontà divina, base del proprio diritto a regnare senza limiti codificati (ma con molti limiti reali), mentre premevano le teorizzazioni giuridico-filosofiche: U. Grozio (1583-1645) e J. Locke (1632-1704), in forme e con intenti diversi, richiesero la restituzione della sovranità alla comunità popolare (sempre più o meno esplicitamente limitata alla parte aristocratico-borghese), che delegava per contratto revocabile (riconosciuto anche dal teorico dell'assolutismo T. Hobbes, 1588-1679) il potere al sovrano. Furono le riflessioni degli illuministi ad avere l'incidenza più profonda sullo sviluppo concreto della democrazia. J.J. Rousseau (1712-1778) riprese un concetto "puro" di democrazia diretta ed egualitaria. C. de Montesquieu (1689-1755), sull'esempio poliarchico inglese, teorizzò la distinzione dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario. Voltaire (1694-1778) e altri formularono un'ampia base concettuale per la codificazione della parità di diritti fra tutti gli uomini. La democrazia di modello greco-romano, con caratteristiche analoghe e gli stessi limiti, rivisse soltanto con la nascita degli Stati Uniti d'America e quindi, tra infiniti contrasti, nella fase monarchico-costituzionale (1789-1792) e repubblicana (1792-1804) della rivoluzione francese. Rispetto al modello però prevalsero, con l'allargamento della comunità sino ai confini della nazione, le istituzioni della democrazia rappresentativa (o parlamentare), in cui la sovranità viene delegata dal "popolo" a un organo rappresentativo e in parte a un corpo elettorale intermedio (come quello che negli Stati Uniti elegge il presidente). Ciò rendeva per la prima volta operante di fatto il principio di maggioranza, in quanto da allora quella parte del popolo che non si sentiva rappresentata dall'operato dei magistrati eletti dalla maggioranza del parlamento, era tenuta, fino al rinnovo periodico di quest'ultimo, a rispettarlo ugualmente. La distruzione delle corporazioni e dei ceti intervenuta per queste vicende e per la rivoluzione industriale mise, nell'Europa ottocentesca, il principio astratto di democrazia in rapporto diretto con un "popolo" che assumeva i contorni concreti delle masse di borghesia e di proletariato urbano in lotta per garantirsi tutela giuridico-sindacale e rappresentanza politica, anche con dei passi indietro di tipo cesarista (come il bonapartismo). Questa lotta si intrecciò con quella di indipendenza nazionale di molti popoli (proseguita ancora per tutto il XX secolo anche dai popoli coloniali), volta a identificare le singole comunità di popolo detentrici di potere sovrano entro un determinato ambito territoriale. Con il socialismo scientifico anche il concetto di democrazia assunse un significato nuovo. K. Marx (1818-1883) ne denunciò il carattere astratto e i limiti di classe della sua applicazione (che per lui nascondeva di fatto una dittatura della borghesia). La battaglia per l'allargamento dei fruitori del diritto di voto fino al suffragio universale, anche femminile, costituì uno dei cardini del movimento operaio e, alla lunga, uno dei suoi più cospicui successi. Ciò attenuava i difetti denunciati da Marx, rendendo le élite più direttamente sensibili al consenso delle masse. Questo processo costrinse anche coloro che non si riconoscevano nel programma dei partiti socialisti a organizzarsi in partiti per partecipare alla competizione democratica per la formazione delle maggioranze. Da allora il partito divenne strumento indispensabile della democrazia. La rivoluzione d'ottobre in Russia (1917) pretese di sostituire alla democrazia formale "borghese" la democrazia sostanziale della "dittatura del proletariato", presto tramutatasi in dittatura del Partito comunista e in dittatura personale (vedi Stalin). Altri paesi furono assoggettati tra gli anni venti e trenta a regimi totalitari, che perseguirono la nazionalizzazione delle masse (fascismo) ma non poterono eludere mai il problema del consenso. Processi analoghi si verificarono dopo la Seconda guerra mondiale nelle democrazie popolari e nei paesi affrancatisi dal colonialismo. La disuguaglianza socioeconomica continuava a non trovare soluzione e, anche nei paesi a democrazia rappresentativa, si trasformava in problema economico per le necessità di crescita del mercato insite nel capitalismo. Vi si fece fronte in modi diversi, ma quello che meglio si attagliò alla democrazia rappresentativa (vigente dopo la sconfitta del nazifascismo nel 1945 in Europa occidentale, in gran parte dell'America e in vari paesi asiatici) fu il welfare state, che, fornendo garanzie minime di base all'esistenza dei lavoratori, li associava, anche in forme conflittuali, alla gestione dello stato "di tutti", democraticamente fondato, benché permanesse la limitazione della gestione reale del potere a quella che G. Mosca (1848-1941) definì la classe politica (perpetuantesi di fatto perfino per via ereditaria). Il crollo dei regimi comunisti e la dissoluzione dell'Urss (1989-1991) costrinsero nuovi popoli a cimentarsi per la prima volta con gli infiniti problemi della democrazia, ma crearono sotto molti aspetti, anche economici, una situazione nuova in tutto il mondo. Esaurito il welfare state per limiti economici invalicabili, nei paesi avanzati, divenuti meta di migrazioni internazionali sempre più pressanti, vacillarono le certezze "nazionali" su cui ciascuno aveva fondato in concreto la propria prassi democratica e sempre di più si mise a nudo la coincidenza tra democrazia rappresentativa e mercato capitalistico, insufficiente a dare volto, rappresentanza e potere alla miriade di realtà etniche, religiose, filosofiche, oltre che economiche e sociali (senza contare le persistenti discriminazioni di genere), da cui sono formati i popoli.

R. Balzani, G. Petrillo

G. Sartori, Democrazia e definizioni, Il Mulino, Bologna 1957; W. Schlangen, Democrazia e società borghese, Il Mulino, Bologna 1979; H. Kelsen, La democrazia, Il Mulino, Bologna 1981; Dizionario di politica, a c. di N. Bobbio e N. Matteucci, Utet, Torino 1990.
eXTReMe Tracker