Geografia Africa Territorio Storia Economia del Senegal.

La scuola consegue tanto meglio il proprio scopo quanto più pone l'individuo in condizione di fare a meno di essa.
(Ernesto Codignola)

Google

Spot

Spot

Bandiera del Senegal

La Bandiera.

Tre bande verticali uguali di verde (lato asta portabandiera), giallo e rosso con una piccola stella verde a cinque punte centrata nella banda gialla; il verde rappresenta l'Islam, il progresso e la speranza; il giallo significa ricchezza e progresso naturali; il rosso simboleggia sacrificio e determinazione; la stella denota unità e speranza.

Nota: La bandiera utilizza i colori popolari panafricani dell'Etiopia; i colori da sinistra a destra sono gli stessi del vicino Mali e il rovescio di quelli sulla bandiera della vicina Guinea. Inno del Senegal.

b

Enciclopedia termini lemmi con iniziale a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

Geografia Africa

Senegal In Senegal Inn

n

GEOGRAFIA - AFRICA - SENEGAL

PRESENTAZIONE

Bagnato ad Ovest dall'Oceano Atlantico, il Senegal confina a Nord con la Mauritania, a Est col Mali, a Sud con la Guinea e la Guinea-Bissau. Racchiude inoltre la profonda enclave del Gambia. Copre una superficie di 196.722 kmq e ha una popolazione di 16.082.442 (2021) abitanti con una densità media di 52 abitanti per kmq. I gruppi etnici dominanti sono: gli Wolof (42,7%), i Serer (14,9%), i Fulani (14,4%), i Toucouleur (9,3%), i Diola (5,3%) e i Mandingo, o Mandinka (3,6%). La lingua ufficiale è il francese, ma sono diffusi anche dialetti locali. Religione prevalente è quella musulmana (92%), affiancata da minoranze animiste (6%) e cristiane (2%). Ex colonia francese, il Senegal è indipendente dal 1960 e in base alla Costituzione del 1963 è una Repubblica di tipo presidenziale. La Costituzione del 2001 ha stabilito l'elezione del presidente della Repubblica a suffragio diretto per 5 anni. Egli è anche comandante in capo delle Forze Armate. L'Assemblea Nazionale è formata da 1200 membri eletti a suffragio universale per 5 anni. L'unità monetaria è il franco CFA. La capitale è Dakar (919.683 ab.).

Spot

Spot

IL TERRITORIO

Il Paese è costituito in prevalenza da un vasto bassopiano ricoperto da savane, steppe e foreste. A Est si ergono alcuni modesti rilievi, ultime propaggini del Fouta-Djalon. I fiumi sfociano nell'Atlantico: tra di essi, il maggiore è il Senegal, lungo il quale si situa uno Stato «enclave», il Gambia, che spezza la continuità del territorio nazionale. Il grande corso d'acqua segna il confine con la Mauritania e, in conseguenza della sua completa navigabilità, riveste un'importanza notevole per le comunicazioni, l'irrigazione e la canalizzazione. Altri fiumi sono il Gambia, condiviso con lo Stato omonimo, il Saloum nel centro e la Casamance a Sud. La rete idrografica è tuttavia a carattere stagionale e segue l'andamento pluviometrico. Le coste sono basse a Nord, più frastagliate in corrispondenza della penisola di Capo Verde; paludose e sabbiose a Sud. Il clima subisce variazioni procedendo da Nord a Sud: a settentrione predomina l'aridità desertica, le piogge sono scarse e da novembre a maggio la zona è interessata dall'harmattan, vento asciutto. All'estremo Sud, invece, la piovosità è alquanto accentuata. Le temperature sono elevate: all'interno torride, sulla costa più miti.

Cartina del Senegal

Cartina del Senegal

Spot

Spot

L'isola di Gorée, in Senegal

L'isola di Gorée, in Senegal

Spot

Spot

L'ECONOMIA

Il Paese soffre di gravi difficoltà economiche a causa della scarsità di risorse base ed è sostenuto da massicci aiuti internazionali. Fino agli anni Ottanta l'agricoltura è stata orientata principalmente verso la produzione di arachidi, delle quali il Senegal era il secondo produttore mondiale per abitante. In seguito altre colture sono state introdotte (cotone, miglio, mais, canna da zucchero e riso nelle aree paludose), la cui produzione è stata incentivata mediante opere di irrigazione e regolarizzazione del fiume Senegal, risultanti nel recupero di vasti territori. Le risorse forestali, ampiamente sfruttate, offrono legname e gomma arabica; la pesca è assai praticata e interessa soprattutto i tonni. Significativo l'allevamento bovino, ovino e caprino. L'attività mineraria è dedicata principalmente all'estrazione di fosfati, minerali di titanio e sale marino, oltre a giacimenti di minerali ferrosi di scoperta più recente. L'attività industriale è abbastanza sviluppata e riguarda la lavorazione di arachidi e del pesce, la produzione di fertilizzanti azotati, il montaggio di autoveicoli, oltre a lavorazioni chimiche e petrolchimiche. Il turismo, seppure in crescita, continua a rappresentare una piccola parte delle risorse nazionali. Le esportazioni interessano principalmente arachidi, olio di arachidi, pesce e cotone. La rete stradale si estende per 14.576 km (4.270 km asfaltati), quella ferroviaria su 904 km. Porti principali: Dakar, Saint-Louis, Kaolack, Ziguinchor. Aeroporti principali: Dakar/Yoff, Saint-Louis, Kaolack, Ziguinchor, Tambacounda. Nel luglio 2000 è entrato in funzione il progetto «Atlantis 2», primo sistema a fibre ottiche che unisce via cavo l'Europa occidentale con l'America latina attraverso il Senegal e l'Africa occidentale.

Spot

Spot

I BASSARI

In un'area sud-orientale del Senegal, ai confini con la Guinea, vive una delle ultime popolazioni primitive dell'Africa: i Bassari. Essi sono stanziati in un'area delimitata a Nord dal fiume Gambia e a Sud dalle pendici dei Monti Fouta Djalon, un territorio impervio e difficile da raggiungere che ha permesso a questo gruppo etnico di mantenere pressoché integre le proprie tradizioni. La tribù, che conta circa 3.000 persone, è suddivisa in vari villaggi formati da capanne che i Bassari trasportano intatte quando si trasferiscono in aree più fertili. L'attività principale era un tempo concentrata nella caccia, praticata con l'arco; ma ormai, dato che il loro territorio va sempre più riducendosi, si dedicano essenzialmente all'agricoltura, un cambiamento che non ha modificato le usanze dei Bassari che attribuiscono grande importanza ai riti magici. Numerosissime sono le cerimonie per propiziare gli spiriti che garantiscono un buon raccolto, che provocano le piogge dopo i lunghi periodi di siccità e che proteggono gli individui. La divinità più importante è indubbiamente Maske, lo spirito della foresta che entra in contatto con lo stregone del villaggio attraverso riti e danze particolari. Un comitato di anziani provvede a mantenere vive le tradizioni e a fare rispettare le regole del villaggio, mentre i guerrieri chiamati Numakas realizzano le decisioni degli anziani e solo ai più valorosi tra loro è consentito l'ingresso nel consiglio. I giovani non hanno alcuna funzione fino a quando non superano coraggiosamente le durissime prove di iniziazione e vengono ammessi nella classe dei guerrieri.

Spot

Spot

CENNI STORICI

Fin dall'XI sec. la regione senegalese fu investita dall'espansione della fede e della cultura musulmana (Almoravidi). Divenuto vassallo dell'Impero del Mali (XIV sec.), nel XV sec. il Senegal assisté alle prime consistenti penetrazioni coloniali, ad opera prima dei Portoghesi e poi, nell'ordine, degli Inglesi, degli Olandesi e dei Francesi. Nel XVIII sec. il Paese venne disputato tra Gran Bretagna e Francia, passando a quest'ultima nel 1817. Il movimento per la decolonizzazione del Senegal, attivo dal 1944, ottenne l'indipendenza della Nazione l'11 settembre 1960 che fu quindi ammessa all'ONU. Nel 1963, fallito un tentativo di colpo di Stato ordito dal primo ministro Mamadou Dia, il presidente Leopold S. Senghor, leader dell'Unione progressista, instaurò un regime di tipo presidenziale. Nel 1964 venne sciolta l'opposizione e tutte le forze politiche legali vennero fatte confluire nell'unico partito ammesso, l'Unione progressista senegalese (UPS). Questa formula governativa a partito unico non riuscì però a dare unità al Paese e, nonostante l'immagine nazionalistica e anticolonialista, di fatto mantenne il Senegal strettamente vincolato agli interessi occidentali, soprattutto francesi. Nel 1976 fu ammessa la costituzione di altri due partiti politici, uno di ispirazione liberale e l'altro marxista. Il 31 dicembre 1980 Senghor si dimise dalla presidenza della Repubblica e gli succedette il primo ministro Abdou Diouf che nel gennaio 1982, e fino al 1989, unì il Paese al Gambia, dando origine alla confederazione del Senegambia. Nel 1983 iniziò di conseguenza un conflitto con i secessionisti del Movimento delle forze democratiche di Casamance (MFDC), la regione compresa fra Gambia e Guinea-Bissau; il coinvolgimento del Senegal nella guerra civile in Guinea-Bissau (1998) servì così anche per schiacciare la rivolta in queste regioni. Un accordo di tregua nella Casamance venne siglato il 26 dicembre 1999, sebbene la situazione rimanesse complessa, tanto che ancora nell'aprile 2000 si verificarono scontri e violenze nella regione di confine, causa di decine di vittime tra le forze governative e i civili. Nel corso delle elezioni presidenziali del febbraio-marzo 2000 si impose il candidato del Partito liberaldemocratico Abdoulaye Wade, sul candidato socialista A. Diouf, mentre Moustapha Nasse venne dichiarato primo ministro, ponendo termine alla decennale egemonia del Partito socialista (dal 1960). Il 3 marzo, in seguito alla destituzione di Nasse, la guida dell'Esecutivo fu affidata alla signora Madior Boye. Il 7 gennaio 2001 il presidente Wade sottopose a referendum il progetto di una nuova Costituzione che fu approvato con il 90% di voti favorevoli. La nuova Costituzione conferisce al capo dello Stato il potere di sciogliere il Parlamento e di convocare le elezioni legislative anticipate. Avvalendosi di questo potere, Wade indisse le elezioni per il 29 aprile. Queste terminarono con la vittoria della coalizione Sopi («cambiamento» nella lingua wolof), guidata dal Partito democratico di Wade, che ottenne la maggioranza dei 120 seggi dell'Assemblea nazionale, seguita dall'Alleanza delle forze del progresso dell'ex primo ministro Moustapha Nasse, e dal Partito socialista. Dopo il voto Wade confermò Madior Boye alla guida dell'Esecutivo composto da 24 ministri, fra i quali cinque donne. Sul piano delle relazioni internazionali, in marzo la Corte di Cassazione di Dakar dichiarò che il processo contro l'ex dittatore del Ciad Hissene Habré, arrestato nel 2000 in Senegal con l'accusa di gravissimi delitti, non avrebbe potuto essere tenuto in Senegal. La Corte, infatti, si dichiarò non competente a giudicare reati commessi in un altro Paese, e quindi Habré sarebbe tornato in libertà. Per quanto riguarda la questione della Casamance, il 16 marzo 2001 a Ziguinchor il Governo e i ribelli del MFDC sottoscrissero un accordo di cessate il fuoco che avrebbe dovuto mettere fine a 18 anni di guerriglia nella regione. Nonostante tale accordo, alla fine di maggio l'agenzia di stampa ufficiale del Senegal riferì dell'uccisione di circa 200 separatisti da parte dell'esercito nel distretto di Bignona. Dopo un lungo periodo di calma, ai primi di novembre si registrarono nuovi scontri fra truppe governative e guerriglieri del MFDC, a una decina di chilometri dalla città di Ziguinchor. Finalmente nel dicembre del 2004 i membri dell'MFDC e il Governo arrivarono a un accordo che li portò a sottoscrivere un accordo di pace nel quale si abbandonava ufficialmente ogni tentativo separatista all'interno della Casamance.

Spot

Spot

LA CAPITALE

Dakar

(919.683 ab.). Capitale della Repubblica del Senegal e dell'omonima regione (550 kmq; 2.267.356 ab.), è uno dei porti meglio protetti della costa occidentale africana; importa combustibili liquidi, carbone, tessuti, macchinari, cereali e zucchero; esporta arachidi, cotone e primizie. Fu fondata nel 1862 dai Francesi che la scelsero nel 1904 come capitale dell'Africa Occidentale Francese. Dakar, come quasi tutte le città africane, è divisa in una zona residenziale europea, un quartiere africano (La Medina) e una zona commerciale e industriale. Tra i principali centri culturali del Paese e dell'intera Africa occidentale, Dakar ospita l'unica università del Senegal e numerosi musei.

Veduta di Dakar

Veduta di Dakar

Spot

Spot

PERSONAGGI CELEBRI

Léopold Sédar Senghor

Poeta e uomo di stato senegalese (Joal, Dakar 1906 - Verson, Normandia 2001). Proveniente da una famiglia di proprietari terrieri Serere di religione cattolica, nel 1914 cominciò i suoi studi entrando nell'internato di N'Gazobil dai padri dello Spirito Santo, passando poi, nel 1923, al Collegio Libermann di Dakar che lasciò nel 1928 con una borsa di studio del Governo francese che gli permise di trasferirsi in Francia per entrare nel liceo Louis le Grand. Nel 1933 divenne il primo «agrégé» africano all'università di Parigi, ottenendo, nello stesso tempo, la nazionalità francese. Nel 1934 fondò, con l'intellettuale martinichese Aimé Cesaire e con Léon Damas, la rivista «L'étudiant noir», dove pubblicò le sue prime riflessioni sulla negritudine, il movimento culturale e artistico che lo avrebbe visto rappresentante più importante. Nel 1937 venne nominato professore di lettere e grammatica al liceo Descartes a Tours, poi professore al liceo Marcelin Berthelot a Saint-Maure-des-Fosses. Nel 1939, a causa della guerra imminente, venne richiamato nel 23esimo, e quindi nel terzo reggimento di fanteria coloniale. Il 20 giugno del 1940 venne fatto prigioniero a Charité-sur-Loire ma nel 1941 riuscì ad entrare nella resistenza presso il gruppo del Fronte Nazionale Universitario. Liberato nel 1942, riprese il suo posto al liceo Marcelin Berthelot e nel 1944 assunse l'incarico d'insegnamento alla Ecole Nationale de la France d'Outre-mer. Dopo la seconda guerra mondiale, divenne deputato del Senegal. Nel 1955 fu nominato segretario di Stato alla Presidenza del Consiglio nel Gabinetto Edgar Faure. Nel giugno del 1960 il Senegal ottenne l'indipendenza e il successivo mese d'agosto Senghor venne eletto presidente della Repubblica, funzione che occupò fino al 31 dicembre del 1980, quando lasciò il potere spontaneamente, affidando il suo posto a Abdou Diouf, successore da lui scelto e preparato alla funzione. Già fondatore della rivista «Présence africaine», nel 1983 venne eletto Accademico di Francia. Assai noto in Occidente per la sua opera poetica e per i saggi storico politici, annovera, tra le sue produzioni liriche, le raccolte Canti d'ombra (1945), Ostie nere (1948), Canti per Naëtt (1949), Etiopiche (1956), Notturni (1961), Lettere della stagione delle piogge (1972), Poemi (1984), e tra i suoi saggi Libertà I: negritudine e umanesimo (1964), Libertà II: nazione e via africana al socialismo (1971), Libertà III: la poesia dell'azione, dialogo (1980), Libertà IV: socialismo e pianificazione (1983).

Spot

Spot

Mappa del Senegal

Spot

Spot

Posizione in Africa del Senegal

Spot

Spot

Nairobi Geografia Kenia

CpileMail_to_trapaninfo.itfw

gbm w3c ^up^

Web Trapanese eXTReMe Tracker

TP Comuni

Copyright (c) 2002 -   trapaninfo.it home disclaim

w

WhatsApp-Chat

Ultima modifica :