trapaninfo.it Enciclopedia

All together, we can do a better world. World goes where we like and wish He goes. It's up to all of us.

Web Trapanese di Trapanesi Attività Commerciali Artigianali Servizi Eventi

Richiesta inserimento in trapaninfo.it !

To whom it may concern. Ask for inserting a banner of Your business logo or portal !

 

Scienze e Tecnica Fisica Ruote ad Acqua e Turbine

  

Fisica Ruote ad Acqua e Turbine

... trapaninfo.it

-^

PRESENTAZIONE

Il primo modo in cui l'uomo ha sfruttato la corrente dei fiumi è stato sicuramente per trasportare grossi oggetti galleggianti come i tronchi, oppure se stesso e gli animali, utilizzando delle zattere.

Ancora oggi, soprattutto in Canada, paese di foreste e fiumi, i tronchi abbattuti sono gettati in acqua, riuniti in enormi isole galleggianti e quindi rimorchiati a destinazione con l'aiuto della corrente; in Francia, Belgio, Germania e anche nel nostro paese migliaia di tonnellate di merce viaggiano su chiatte trasportate dalla corrente.

L'altra grande applicazione dell'energia idrica che doveva impegnare i più geniali inventori dell'antichità riguardava la irrigazione dei campi.

Per far arrivare acqua in zone aride situate più in alto di sorgenti e fiumi, progettarono macchine per pompare o sollevare l'acqua fino ai canali di irrigazione.

La macchina più semplice era e resta il secchio: con ogni probabilità, i nostri progenitori attingevano l'acqua dai fiumi e la portavano a braccia sino ai canaletti di irrigazione.

Si tratta di un sistema scomodo e poco efficiente; qualcuno pensò allora di attaccare il secchio all'estremità di un braccio oscillante, mentre un contrappeso, applicato dalla parte opposta, ne bilanciava il peso.

Questa macchina rudimentale si chiamava shaduf ed è ancora in uso presso le popolazioni che vivono lungo le sponde del Nilo.

Altri congegni a forma di ruota sostituirono lo shaduf: per esempio il timpano, una grossa ruota cava, il cui interno era diviso in sezioni spiraliformi: girando, l'acqua penetrava nelle sezioni attraverso delle aperture e veniva sollevata e convogliata verso il centro dove usciva dal foro del mozzo.

La vite di Archimede era invece costituita da un tubo avvolto intorno ad un cilindro il cui asse era di poco angolato rispetto alla superficie dell'acqua.

Il funzionamento era molto semplice e sfruttava la forza centrifuga: il cilindro, la cui parte inferiore era immersa nell'acqua, ruotando faceva avanzare il liquido lungo il tubo e ne permetteva la fuoriuscita dall'estremità più alta.

Sia il timpano che la vite di Archimede dovevano essere azionate dall'uomo o dagli animali e consentivano di superare dislivelli modesti.

Finalmente qualcuno ebbe l'idea di utilizzare la stessa corrente del fiume: la noria era una grande ruota di legno dotata lungo tutta la sua circonferenza di secchi e di pale: i primi raccoglievano l'acqua, mentre le seconde facevano girare la ruota.

Quando il secchio arrivava in alto, si piegava e versava il suo prezioso contenuto in apposite canalette.

La noria funzionava giorno e notte, e sollevava grandi quantità d'acqua ad altezze notevoli.

Macchine simili funzionavano già durante l'epoca di Cristo.

Una volta perfezionata questa tecnica, alle ruote ad acqua si accoppiarono le pesanti macine dei mulini da frumento, che svolgevano la loro azione per mezzo di assi ed ingranaggi.

Le macine che rifornivano l'impero romano funzionavano già ad acqua.

Durante il medioevo le macchine ad acqua vennero perfezionate ulteriormente.

In quegli anni si registrarono i primi tentativi di sfruttare la caduta di un corso d'acqua per ottenere maggiore energia e fu inventata la ruota idraulica orizzontale, progenitrice delle più moderne turbine, alla quale l'acqua arriva spinta con violenza attraverso un condotto.

Altri utensili vennero fatti funzionare con l'energia idrica: seghe, mantici, martelli, ecc.

Lungo i corsi d'acqua, grandi e piccoli che fossero, sorsero i primi opifici e le prime modeste aziende.

-^

LE TURBINE

Malgrado le continue migliorie, le vecchie ruote ad acqua non erano capaci di buoni rendimenti; l'acqua scorreva tra le pale e molta dell'energia non veniva utilizzata.

Si pensò allora di modificare la forma delle pale, inclinandole opportunamente, e di incamiciare la ruota (ora detta girante) in una cassa in modo tale che ogni goccia d'acqua fosse costretta a colpirla: il risultato fu la turbina.

La prima turbina che ottenne un discreto successo fu quella ideata nel 1823 da un giovane ingegnere francese, Benoit Fourneyron: l'acqua cadeva dall'alto parallelamente all'asse verticale della girante, e il violento flusso veniva deviato da una serie di pale fisse curve.

A questo punto, passava attraverso una serie di pale mobili curvate in senso contrario rispetto alle prime e collegate all'albero da una intelaiatura sotto il fondo.

L'energia ottenibile da una turbina simile era enorme se paragonata a quella prodotta da una ruota con la stessa superficie di pale.

Dagli inizi del secolo scorso fino ai nostri giorni sono state costruite turbine diverse per forma e struttura.

Sostanzialmente questi apparecchi si possono suddividere in turbine ad alimentazione radiale, quando l'acqua scorre verso l'asse della girante oppure dall'albero verso la periferia della girante, e in turbine ad alimentazione assiale, quando l'acqua scorre parallela all'albero.

Le turbine oggi più usate sono quelle di Francis, Kaplan e Pelton che prendono il nome dai loro rispettivi ideatori.

La turbina Francis assomiglia a quella di Fourneyron, solo che l'acqua scorre radialmente verso il centro; prima di arrivare alle pale mobili, il flusso viene deviato da pale fisse disposte intorno alla girante.

Nella turbina di Kaplan, molto simile all'elica di una nave, l'acqua scorre parallela all'asse di rotazione della girante.

In generale si può dire che modificando l'angolo delle pale rispetto al flusso, si ottiene l'ottimizzazione del rendimento a seconda della portata di alimentazione.

La turbina Kaplan viene usata dove esiste molta acqua e una corrente debole.

Al contrario, la turbina Pelton è stata ideata per sfruttare flussi molto veloci ed eventualmente poveri d'acqua.

Delle turbine viste finora, la Pelton è quella che più si avvicina, per forma, alle vecchie ruote ad acqua; il getto viene diretto verso le pale che in sostanza sono costruite come cucchiai affiancati.

Prima di essere accoppiate con generatori per produrre energia elettrica, le turbine non vennero utilizzate che sporadicamente.

trapani Turbina idraulica Pelton ad asse orizzontale

trapani Schema di turbina idraulica Pelton ad asse verticale

trapani Schema di turbina idraulica Francis

-^

LO SFRUTTAMENTO ENERGETICO DELLE MAREE

Il fenomeno delle maree, dovuto ad un gioco di attrazioni reciproche che coinvolge la Terra, il Sole e la Luna, ha sempre incuriosito i grandi scienziati che, sin dai tempi più remoti, si sono posti il problema di come poter sfruttare la grandissima mole di energia prodotta dalle onde che si infrangono contro la terraferma.

Tentativi di sfruttamento si sono già avuti nell'antichità, con l'impianto di mulini azionati dall'acqua delle maree; ma naturalmente i sogni dell'uomo moderno sono molto più ambiziosi.

Progetti grandiosi sono già stati ipotizzati, soprattutto in Francia, ma non portati appieno a termine a causa dei molteplici ostacoli; sia in campo finanziario (a causa dell'elevatissimo costo), sia in campo tecnico.

Ad esempio sarebbe necessario avere a disposizione una turbina che sappia lavorare in entrambi i sensi, per sfruttare al meglio sia l'acqua entrante nel bacino artificiale in periodo di alta marea, sia l'acqua in uscita nel periodo di bassa marea; le turbine normalmente utilizzate per le centrali idroelettriche non risultano però idonee a questo scopo, in quanto lavorano solo in un senso.

Gli scienziati francesi hanno calcolato che lo sbarramento della baia francese del Mont Saint Michel fornirebbe energia elettrica pari a un quarto dell'intero fabbisogno nazionale! Naturalmente lo sfruttamento delle maree risulta estremamente vantaggioso per gli Stati affacciati sugli oceani, in quanto le maree nei mari chiusi, come il Mediterraneo, sono notevolmente più deboli.

La baia canadese di Fundy è il punto della Terra in cui l'escursione delle maree tocca i vertici più alti: tra la bassa e l'alta marea c'è un dislivello medio di 15 metri e, in casi eccezionali, persino di 19 metri; presso Porto Gallegos (Argentina) l'escursione media è invece di 14 metri con punte massime di 18.

Lo sfruttamento della tremenda forza del mare sarebbe certamente un toccasana per l'industria moderna, sempre alla ricerca di energia a basso costo.

trapani Panorama di Mont Saint-Michel

-^

-^

-^

Meteo Sicilia

-^

-^

Rai Educational

Rai Scuola Italia

Rai Lemmi

Italia - Turismo

Italy - Italia

Rai Storia Italia

Cnt Rm Ingv Centro Nazionale Terremoti

Earth Quake Live - Terremoti

Ministero della Salute Italiano

Rai Scienze

Rai Cultura

Focus

YouTube

Documenti Slide

Documenti Yumpu

Ministero degli esteri italiano

La Farnesina - Viaggiare sicuri

U.S. Department of State

U. K. Govern

Protezione civile Governo Italia

Ministero dell'Ambiente della tutela del Territorio e del Mare

La Regione Sicilia

Euro Info Sicilia

Assessorato dello Sport

Assessorato della Famiglia

Il Carrefour Europeo Sicilia

Adnkronos

Ansa - Regioni

Commissione Europea

Informa Sicilia

Contributi Comunità Europea

La Comunità Europea

Informazioni Comunità Europea

Gazzetta Leggi in Europa

Fondo Sociale Europeo

Live Sicilia

La Sicilia

Il Giornale di Sicilia

La Gazzetta del Sud

La Repubblica

Quotidiano di Sicilia

Segnali dalle città invisibili

Messina News

La voce del Mondo rurale

Prospettive online

Palermo mania

Quotidiano Si24

Messina Ora Notizie

Messina Oggi

Messina Notizie

Il Cittadino di Messina It is better to have enough ideas for some of them to be wrong, than to be always right by having no ideas at all. Edward de Bono

Grandangolo Agrigento

Agrigento Notizie

Info Agrigento

Sicilia 24h

Agrigento Web

Agrigento Oggi

Catania Oggi

Sud Press

Catania Today

Il Fatto Nisseno

Giornale Nisseno

Blog Sicilia

Seguo News

Enna Notizie

Vivi Enna

Ragusa News

Ragusa 24

Quotidiano di Ragusa

Ragusa Oggi

Siracusa News

Siracusa Oggi

Siracusa Times

Trapani Ok

Trapani Oggi

Italia in Digitale Terrestre

T-vio Notizie in Tempo Reale

Trapani Tp24

Rumpiteste Wordpress Blog

Tse Tele Scout Europa Tv

Antenna Sicilia

Telecolor

Tele Video Agrigento

Tele Acras

Agrigento Tv

Sicilia Tv Favara

Tele Radio Sciacca

Enna Tv

Rei Tv Acireale

Rtp Tv Messina

Onda Tv Messina

Tele Iblea

Tele Iblea

Video Mediterraneo

Sicilia Uno

Alpa Uno

Telesud3 TP

Action 101 Radio

Radio Mia

Dabliu Radio

Radio In 102

Radio Margherita

Prima Radio Net

Rgs Gds

Reporter Neomedia Radio

Radio Time

Radio Alcamo Centrale

Radio Amica

Gruppo Radio Amore

Radio Amore Net

Radio Amore Italia

Antenna Uno Radio

Radio Antenna Iblea

CL 1 Radio

Radio Video City

Radio Gruppo Fantastica Cuore

Etna Radio

Radio Dimensione Musica

Doc Radio

Radio Empire

Radio Rebs Online

Radio Rete 94

Radio Flash Fm

Radio Fm Classic

Radio Fm Italia

Radio Gela Express

Radio Gemini

Radio In Agrigento

Radio Luce Net

Radio Messina International

Radio Messina Sud

Radio Milazzo

Radio Etna Espresso

Radio Palermo Centrale

Radio Panorama

Radio Planet Music Net

Radio Rcv

Radio Acicastello Online

Radio Sicilia Express

Radio Smile

Radio Splash

Radio Street

Radio Studio 105

Radio Studio 7

Radio Studio 90 Italia

Radio Studio Centrale

La Sicilia Web

Tele Monte Kronio

Radio Torre Macauda

Radio Touring

Radio Rtm

Radio Universal Fm

Radio Vela

Radio Zammu

Meteo Sat Europe-It

-^

in trapaninfo.it disclaim Richiesta inserimento eMail@webmaster -^up^

Trapaninfo.it statistics
Web Trapanese eXTReMe Tracker
Web Trapanese free counters

gbm w3c

Ai sensi dell'art. 5 della legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla protezione del diritto d'autore, i testi degli atti ufficiali dello Stato e delle amministrazioni pubbliche, italiane o straniere, non sono coperti da diritti d'autore. Il copyright, ove indicato, si riferisce all'elaborazione e alla forma di presentazione dei testi stessi. L'inserimento di dati personali, commerciali, collegamenti (link) a domini o pagine web personali, nel contesto delle Yellow Pages Trapaninfo.it (TpsGuide), deve essere liberamente richiesto dai rispettivi proprietari. In questa pagina, oltre ai link autorizzati, vengono inseriti solo gli indirizzi dei siti, recensiti dal WebMaster, dei quali i proprietari non hanno richiesto l'inserimento in trapaninfo.it. Il WebMaster, in osservanza delle leggi inerenti i diritti d'autore e le norme che regolano la proprietà industriale ed intellettuale, non effettua collegamenti in surface deep o frame link ai siti recensiti, senza la dovuta autorizzazione. Il webmaster, proprietario e gestore dello spazio web nel quale viene mostrata questa URL, non è responsabile dei siti collegati in questa pagina. Le immagini, le foto e i logos mostrati appartengono ai legittimi proprietari. La legge sulla privacy, la legge sui diritti d'autore, le regole del Galateo della Rete (Netiquette), le norme a protezione della proprietà industriale ed intellettuale, limitano il contenuto delle Yellow Pages Trapaninfo.it Portale Provider Web Brochure e Silloge del web inerente Trapani e la sua provincia, ai soli dati di utenti che ne hanno liberamente richiesto l'inserimento. Chiunque, vanti diritti o rileva che le anzidette regole siano state violate, può contattare il WebMaster. Note legali trapaninfo.it contiene collegamenti a siti controllati da soggetti diversi i siti ai quali ci si può collegare non sono sotto il controllo di trapaninfo.it che non è responsabile dei loro contenuti. trapaninfo.it

-^