eXTReMe Tracker
Tweet

Griffulhers, Victor.

Sindacalista e uomo politico francese. Ex calzolaio, militò in gioventù nel movimento blanquista, orientandosi verso l'attività sindacale. Dotato di grande combattività e di una coscienza di classe che lo induceva a diffidare degli intellettuali socialisti di estrazione borghese, nel 1902 succedette a M. Pelloutier alla guida dei sindacati francesi, raggruppati nella CGT. Grande agitatore politico, G. considerava la lotta quotidiana come un mezzo per educare gli operai all'avversione per il capitalismo e all'azione destinata a culminare nello sciopero generale rivoluzionario, teorizzato da Sorel. Egli rimaneva tuttavia fedele all'idea blanquista, da lui trasformata in una parte essenziale della dottrina sindacalista rivoluzionaria, secondo cui l'azione rivoluzionaria, sarebbe stata promossa da una "minoranza cosciente", mentre la grande maggioranza degli operai sarebbe stata trascinata dalla suggestionabilità di massa. Egli infatti non nutriva nessuna fiducia nella capacità e volontà rivoluzionaria della maggioranza degli operai comuni. Contribuì a dare un'impronta decisamente antimilitarista alla politica della CGT, basata sulla concezione dello sciopero generale internazionale come mezzo per impedire la guerra. Nella carta di Amiens egli affermava la completa indipendenza dei sindacalisti nei confronti dei partiti e la natura rivoluzionaria, e quindi politica, del movimento sindacale (1875-1922).