eXTReMe Tracker
Tweet

ANC.

Acronimo di African National Congress. Partito politico sudafricano anti-apartheid. Fondato nel 1912 con il nome di South African Native National Congress, con il fine di difendere i diritti e le libertà della maggioranza nera della popolazione sudafricana, assunse la denominazione attuale nel 1923. Si ispirò, fin dalla nascita, ai principi della non violenza gandhiana e alla strategia della mobilitazione di massa, operando in funzione del suffragio universale e della creazione di un Sudafrica unito e democratico. Dichiarato fuorilegge nel 1960, da quell'anno i più importanti esponenti del partito furono arrestati, compreso Nelson Mandela che nel 1963 venne condannato all'ergastolo. Ricostituitosi clandestinamente per passare alla lotta armata, nel 1962 l'ANC elesse presidente Oliver Tambo e allacciò rapporti col Partito comunista clandestino del Sudafrica e con l'URSS. Il nuovo corso della politica moderata inaugurata da F. De Klerk, eletto presidente del Sudafrica nel 1989, portò al riconoscimento e alla legalizzazione dell'ANC (1990) e alla conseguente liberazione del suo leader carismatico, Nelson Mandela. In seguito all'abolizione, nel giugno 1990, della segregazione razziale nei luoghi pubblici, l'ANC rinunciò alla lotta armata. Nel luglio 1991, al XLVIII congresso dell'ANC - il primo svoltosi liberamente in Sudafrica - Nelson Mandela venne eletto presidente. Le elezioni dell'aprile 1994 sancirono la piena vittoria dell'ANC (62,65% dei voti), con 252 seggi su 400 all'Assemblea nazionale, e l'elezione di Mandela a presidente del Sudafrica. Pur avendo incrementato i propri voti (66,4%) e seggi (266) in occasione delle elezioni del 1999, l'ANC si coalizzò con il NNP, erede del Partito nazionale di De Klerk. Dal 2001, l'alleanza con comunisti e sindacati si fece meno stabile e l'ANC si indirizzò verso una politica più liberale. Alle elezioni del 2004 aumentò i propri consensi (69% dei voti, 270 deputati), nonostante le crescenti difficoltà con i sindacati e le accuse di corruzione nei confronti dei vertici del partito, e confermò la sua solidità nelle consultazioni amministrative del 2006 ottenendo il 66% dei consensi.
Nelson Mandela