Tweet


SPAGNOLA, GUERRA CIVILE
(giugno 1936-febbraio 1939). Rivolta dei militari guidati da Francisco Franco contro la repubblica democratica governata dal Fronte popolare, vincitore delle elezioni del 1934. Feroce e sanguinosa, precorse la Seconda guerra mondiale sia per i suoi aspetti di guerra totale sia soprattutto come scelta concreta tra democrazia e fascismo per tutta l'Europa. Benché combattuta esclusivamente su territorio spagnolo, coinvolse tutto il mondo, sollevando un'ondata di solidarietà internazionale verso la repubblica, che in Italia intaccò perfino il consenso di cui godeva in quel momento il regime fascista. Alla guerra parteciparono infatti anche migliaia di volontari antifascisti stranieri inquadrati nelle Brigate internazionali. Anche la Germania nazista e l'Italia inviarono massicci aiuti in truppe e materiali ai rivoltosi, mentre i governi democratici, dietro dichiarazioni antifasciste di facciata, rimasero tentennanti, finendo per abbandonare la repubblica al suo destino, soprattutto in seguito all'Anschluss e al patto di Monaco. Solo l'Urss si impegnò fino all'ultimo in aiuti, pur scarsi, nella speranza che una vittoria della repubblica condizionata dai comunisti le permettesse di alleggerire l'accerchiamento di cui si sentiva vittima. Il trionfo della dittatura franchista in Spagna fu senz'altro un ulteriore incoraggiamento alla politica aggressiva dell'Asse Roma-Berlino.
eXTReMe Tracker