Tweet


DIETE
Assemblee di alcuni popoli germanici (franchi, longobardi), quindi, dopo l'avvento dei Carolingi, le assemblee del Sacro romano impero. Esse avevano in origine carattere militare ed erano aperte alla partecipazione di tutti i "liberi" atti alle armi. Col tempo acquisirono anche una dimensione politica e giudiziaria (fino alla Bolla d'oro emanata da Carlo V nel 1356 vi venivano eletti anche gli imperatori) e la loro composizione si restrinse ai grandi e piccoli feudatari e all'alto clero. Con la pace di Westfalia (1648) le diete imperiali persero il carattere di assemblee nazionali e diminuirono d'importanza. A partire dal 1663 la dieta, il cui luogo fino ad allora era mutato di volta in volta, divenne permanente a Ratisbona, ma i principi dell'impero cessarono di assistervi di persona e vi si fecero rappresentare da ambasciatori. Continuò a esistere almeno formalmente fino al 1806, cioè fino alla scomparsa ufficiale del Sacro romano impero. Ripristinata dal congresso di Vienna con sede a Francoforte, ebbe un'esistenza effimera e priva di significato. Il nome di dieta territoriale (in tedesco Landtag) fu ripreso molti anni dopo per indicare le assemblee dei deputati dei regni e dei paesi rappresentati al Consiglio dell'impero austriaco (poi austroungarico) fino al momento della sua dissoluzione, dopo la Prima guerra mondiale. Istituite in numero di quindici nel febbraio 1861, con un decreto che ne fissava le basi giuridiche e i criteri di elezione, esse rappresentavano veri e propri parlamenti provinciali. Erano composte da membri di diritto (i principi-vescovi, i vescovi e i rettori delle università) e da membri eletti sulla base di un sistema che privilegiava i grandi proprietari fondiari e gli interessi di importanti organismi urbani e rurali, come i mercanti e le camere di commercio e di industria. Anche dopo il compromesso dell'Ausgleich del 1867, che sancì la divisione dell'impero in due grandi componenti, l'Austria e il regno d'Ungheria, le diete furono espressione di un costituzionalismo octroyé, effetto più di concessioni sovrane che non di volontà popolare. Esse, infatti, non avevano alcun contatto tra loro e ciascuna dipendeva direttamente dal governo centrale. Avevano competenza su tutte le questioni legislative non espressamente riservate al parlamento di Vienna e a quello di Budapest ed erano guidate da una giunta presieduta da un capitano provinciale. Questi veniva nominato dall'imperatore, che aveva anche la facoltà di convocare la dieta e di scioglierla, indicendo nuove elezioni. Il nome rimase a designare le camere dei parlamenti nei paesi di lingua tedesca.

F. Conti
eXTReMe Tracker