Tweet


DEPRETIS, AGOSTINO
(Mezzana Corti 1813 - Stradella 1887). Politico italiano. Mazziniano in gioventù, abbandonò l'avvocatura per dedicarsi all'amministrazione dei beni di famiglia. Nel 1848 fu eletto deputato al parlamento subalpino, dove sedette all'opposizione. Avversario di Cavour, fu prodittatore della Sicilia nel 1860. Ministro con Rattazzi (1862) e con Ricasoli (1866-1867), divenne capo della Sinistra parlamentare nel 1873 e nel 1876 succedette a Minghetti alla guida del governo. Nonostante una larga maggioranza, il suo programma riformatore trovò però un'attuazione solo parziale, con l'abolizione del corso forzoso e dell'imposta sul macinato. Sostituito per breve tempo da B. Cairoli (1878 e 1879-1881), nel 1881 varò una coalizione meno omogenea, con la quale realizzò la riforma elettorale che allargava la base censitaria (1882) e concluse il trattato della Triplice alleanza con gli imperi centrali (maggio 1882). Nel 1883 avviò la politica detta del trasformismo, che gli permise, tra l'altro, di sostenere la prima espansione coloniale, mercé la costituzione di un forte gruppo politico-finanziario di tendenza moderata, estraneo alla tradizionale dialettica fra partiti contrapposti. Dopo la sconfitta di Dogali (1887), cooptò nel governo F. Crispi, suo principale oppositore, ma la morte lo colse nel pieno di questa nuova "trasformazione".
eXTReMe Tracker