Geografia Europa Territorio Storia Economia della Finlandia

 

 
    

trapaninfo.it Enciclopedia

All together, we can do a better world. World goes where we like and wish He goes. It's up to all of us.

Web Trapanese di Trapanesi Attività Commerciali Artigianali Servizi Eventi

Richiesta inserimento in trapaninfo.it !

To whom it may concern. Ask for inserting a banner of Your business logo or portal !

Geografia Europa Territorio Storia Economia della Finlandia

  

Geografia Europa - Indice

 

Geografia Europa Territorio Storia Economia della Finlandia

... trapaninfo.it

GEOGRAFIA - EUROPA - FINLANDIA

-^

-^

PRESENTAZIONE

Stato dell'Europa settentrionale, confina a Nord con la Norvegia, a Est e a Sud-Est con la Russia, a Nord-Ovest con la Svezia; a Sud e a Ovest è bagnato dal Mar Baltico. Ha una superficie di 338.145 kmq. La popolazione ammonta a 5.237.000 abitanti, con una densità media di 15 abitanti per kmq. Gruppo etnico predominante è il finlandese (91,9%); esistono minoranze di Svedesi (5,5%), Russi (0,7%), Lapponi (0,1%) e altri (1,8%). Lingue ufficiali sono il finnico e lo svedese. La religione maggiormente praticata è la protestante (83,8%). La Finlandia è, in base alla Costituzione del 1919, una Repubblica parlamentare divisa amministrativamente in 6 province. Il potere legislativo appartiene al Parlamento, composto da 200 membri eletti a suffragio universale per quattro anni. Il potere esecutivo viene invece esercitato dal presidente della Repubblica attraverso il Governo, che deve ottenere la fiducia del Parlamento. Il presidente della Repubblica è eletto ogni sei anni a suffragio universale. Dal 1° gennaio 2002 l'unità monetaria è l'euro. La capitale è Helsinki (559.046 ab.).

-^

IL TERRITORIO

La Finlandia fa parte della zona geologicamente più antica del continente europeo ed è formata da una serie di vasti altipiani, spianati dall'erosione glaciale che ha lasciato tracce nei numerosissimi laghi e nelle colline moreniche di modesta altitudine (500 m). Solo l'area nord-occidentale denota la presenza di vette degne di qualche rilievo. Tali monti, facenti parte del corrugamento scandinavo, culminano nello Haltiatunturi (1.324 m) e nel Saana (1.024 m). Le regioni settentrionali sono estremamente povere di vegetazione, la presenza di ghiacci durante la lunga stagione invernale permette infatti soltanto la crescita di muschi e licheni. Più vario è il territorio centro-meridionale, caratterizzato da moltissimi laghi (circa 40.000) che occupano un decimo della superficie totale. L'estensione di questi laghi varia da pochi chilometri quadrati alle grandi distese del Saima, dell'Inari, del Paijanne e dell'Oulu, tutti superiori ai 1.000 kmq. Nella zona si trovano anche vastissime foreste di pino silvestre, abete, quercia e betulla che costituiscono il 64% del territorio nazionale. A Sud l'area lacustre è limitata da una doppia catena collinare morenica, il Salpausselkä, che non supera i 250 m d'altezza. I fiumi non hanno una lunghezza notevole, tra di essi il Kemijoki (494 km) che scorre in Lapponia e sfocia nel golfo di Botnia, il Tornionjoki (450 km), che con l'affluente Muonionjoki segna il confine con la Svezia e sfocia nel golfo di Botnia, e l'Oulujoki che attraversa la pianura della Botnia e si riversa nel golfo omonimo. Tutti questi corsi d'acqua sono caratterizzati da piene durante il disgelo primaverile e da periodi di magra in corrispondenza con l'inverno. Le coste sono molto frastagliate di fronte all'arcipelago delle Åland, più lineari lungo il golfo di Botnia e articolate nel golfo di Finlandia. Le Isole Åland, pur godendo di una particolare autonomia, fanno parte della Finlandia. Il gruppo comprende 6.554 isole i cui abitanti parlano lo svedese. Il clima è di tipo continentale, mitigato dai venti che soffiano da Sud-Ovest, ed è piuttosto uniforme in tutto il Paese. Le precipitazioni nevose durante i mesi invernali sono molto abbondanti. I laghi e i mari si ricoprono di ghiacci, tuttavia i porti maggiori (Helsinki e Turku, ad esempio) rimangono attivi. Nelle zone più settentrionali si verifica in estate, per circa un mese e mezzo, il fenomeno del sole di mezzanotte durante il quale il sole non tramonta nell'arco delle 24 ore. In inverno si ha invece la notte polare durante la quale il sole non compare sopra l'orizzonte e la notte è talvolta illuminata dall'aurora boreale.

Cartina della Finlandia

Paesaggi finlandesi

-^

I LAPPONI, IL POPOLO DELLE RENNE

I Lapponi vivono in una regione chiamata Lapponia, situata a Nord del Circolo polare artico e appartenente a Norvegia, Svezia, Finlandia e, per una piccola parte, alla Federazione Russa. Essi hanno lingua e costumi propri e particolari caratteristiche somatiche: faccia larga e corta, zigomi pronunciati, bassa statura, capelli e occhi neri, pelle scura. Il loro abbigliamento caratteristico è costituito da una casacca in pelle di renna o di panno blu, chiusa da una cintura di nastri colorati, pantaloni in pelle e stivali. Per secoli i Lapponi furono una popolazione seminomade che, incurante dei confini nazionali, si spostava seguendo le mandrie di renne e dimorando nelle tipiche tende coniche trasportabili. Le renne fornivano loro di che vivere: le carni, il latte e le pelli, e venivano impiegate anche come animali da tiro. L'intervento dei vari Governi trasformò profondamente il modo di vita dei Lapponi che hanno ora villaggi stabili e si dedicano alla pesca, all'allevamento bovino o hanno trovato impiego nell'industria del legno. I modi di vita tradizionali sono stati conservati dai Lapponi montanari. Nel 1986 il disastro ecologico, generatosi in seguito all'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl, ha colpito in maniera particolare la Lapponia contaminando la tundra e di conseguenza interi branchi di renne. Si calcola che almeno 45.000 capi siano stati abbattuti, un danno enorme se si pensa anche alla contaminazione che ha interessato molti pascoli.

-^

L'ECONOMIA

Considerata a lungo come il più povero tra i Paesi scandinavi, la Finlandia conobbe, soprattutto a partire dalla metà degli anni Ottanta, un vero e proprio boom economico che la portò ad attestarsi tra gli Stati più ricchi d'Europa. A causa del clima e per la scarsa fertilità del terreno, l'agricoltura ha uno sviluppo modesto. Le coltivazioni principali sono poco estese e si limitano ai cereali (soprattutto orzo e avena) e alle patate. Importante è invece lo sfruttamento delle foreste che, occupando circa il 65% del territorio, hanno permesso la crescita dell'industria del legno, della cellulosa e della carta, che insieme formano un quinto del reddito nazionale. Il taglio del legname viene effettuato nei mesi invernali e il trasporto ai centri di lavorazione viene realizzato per via fluviale nei mesi di disgelo. Negli ultimi anni la bonifica delle paludi ha incrementato l'allevamento bovino (quasi due milioni di capi), suino (un milione e mezzo di capi) e la conseguente produzione lattiero-casearia. Importante specialmente per i Lapponi è l'allevamento della renna e degli animali da pelliccia. Lo sviluppo industriale risale soprattutto agli anni del secondo dopoguerra, quando in Finlandia sorsero nuove fabbriche per permettere al Paese di pagare in merci i pesanti debiti di guerra con l'URSS. Il fulcro dell'industria nazionale è costituito dalle costruzioni navali (piattaforme di perforazione e rompighiaccio) e dalla produzione della carta. Importanti cantieri navali si trovano a Helsinki, Turku, Vaasa, Pori, Hamina, ecc. Le tessiture si sono sviluppate nei settori laniero e cotoniero; minore importanza hanno invece le industrie del cuoio e chimiche, la manifattura del tabacco, i cementifici, le birrerie e gli zuccherifici. Dal sottosuolo della Finlandia non vengono estratte rilevanti quantità di minerali. Esistono giacimenti di vanadio, zinco e cromo, e in minore quantità anche di rame, pirite, piombo, ecc. Grande impulso ha la pesca praticata sia nel Mar Baltico (aringhe) sia nei fiumi (salmoni, coregoni). Il commercio con l'estero ha un'importanza vitale per la Finlandia che esporta soprattutto prodotti del legno e derivati (40% delle esportazioni), macchinari, naviglio mercantile e articoli d'abbigliamento. Fra le importazioni, combustibili e materie prime per l'industria. I traffici si svolgono principalmente con la Svezia, la Germania e il Regno Unito. La rete di comunicazioni sia ferroviaria (5.741 km), sia stradale (78.168 km, di cui 50.336 asfaltati) è molto efficiente. Discretamente ramificate le vie navigabili interne (6.245 km), molto sviluppata la flotta mercantile.

-^

CENNI STORICI

Il territorio finlandese fu abitato nei primi secoli d.C. da tribù di stirpe finnica che, stanziatesi sulle rive dei fiumi, vennero presto in contatto con altre popolazioni quali Lapponi, Careliani e Estoni. Nel XII sec. gli Svedesi, guidati da Erik il Santo, conquistarono il Paese cristianizzandolo. La dominazione svedese fu successivamente contrastata dai Russi che, a più riprese, dai secc. XIII-XVII invasero e devastarono la Finlandia; nel 1323 gli Svedesi, infine, la strapparono al principe russo di Novgorod (Pace di Pähkinäsaari), erigendola successivamente a ducato (1353). Nel 1528 il sovrano svedese Gustavo Vasa vi introdusse la Riforma protestante; la versione dei testi sacri in lingua finnica contribuì quindi a mantenere vive le tradizioni culturali locali, impedendo che venissero cancellate dagli Svedesi. La dinastia Vasa accentuò il carattere autoritario e vanificò la ribellione dell'aristocrazia locale con l'abolizione del ducato (1581). La Finlandia, trascinata nelle guerre del Nord da Russia e Svezia per la supremazia nel Mar Baltico (secc. XVII-XVIII), dopo la Pace di Tilsit (1807) e un breve conflitto, venne annessa alla Russia di Alessandro I (Trattato di Fredrikshamn, 1809) che le concesse tuttavia una certa autonomia innalzandola a granducato. Grazie alle tendenze nazionaliste che caratterizzarono la seconda metà del XIX sec., il Paese accrebbe la propria autonomia di granducato, ma l'oppressione da parte della Russia, tornata in una posizione di predominio negli anni successivi, spinse i Finlandesi alla lotta per l'indipendenza. Dal 1898 lo zar Nicola II ritirò progressivamente tutte le concessioni fatte alla Finlandia (Costituzione, esercito nazionale, lingua finnica), anche se con la Rivoluzione del 1905 il sovrano fu costretto ad accettare la presenza di un Parlamento eletto a suffragio universale maschile e femminile. Tuttavia, dopo il successo dei socialdemocratici nelle elezioni del 1907, il Parlamento venne sciolto e venne imposta come lingua ufficiale il russo. La caduta dello zar e la Rivoluzione del 1917 indussero il Parlamento a proclamare l'indipendenza (6 dicembre 1917) e a chiamare in soccorso le truppe della Germania, scatenando una guerra civile tra fazioni vicine ai Russi e la classe borghese dalle decise tendenze nazionaliste. Nonostante la vittoria di quest'ultima, la sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale contribuì a gettare discredito sul suo modello politico. Nel periodo tra le due guerre la Finlandia si attenne a una politica di neutralità, voluta da una serie di Governi d'impostazione anticomunista. All'inizio degli anni Trenta si verificarono altri episodi di ribellione anticomunista e, nonostante la firma di un patto di non aggressione nel 1932, i rapporti con la Russia rimasero sempre assai precari. Nel 1939 la crescente preoccupazione del Governo sovietico, intenzionato a mantenere la sicurezza nella Carelia finlandese, portò l'Unione Sovietica a invadere la regione e la zona di Viipuri, perdita ufficializzata dalla Pace di Mosca del 1940. Isolato dagli alleati occidentali, il Paese chiese la collaborazione della Germania e riconquistò parte dei territori della Carelia che aveva perso, tra cui alcune zone appartenute alla Russia fin dal XVIII sec. Nell'estate del 1944, quando le truppe sovietiche si preparavano a sferrare un nuovo attacco, i Finlandesi invocarono la pace e s'impegnarono a cacciare le forze tedesche insediatesi in Lapponia; il conflitto ebbe fine con un trattato siglato nel 1945. La Finlandia riuscì comunque a conservare l'indipendenza (Pace di Parigi, 1947), anche grazie al ruolo svolto da Karl Gustav Mannerheim, pur dovendo cedere i territori occupati nel 1918 della Carelia e del fiordo di Petsamo, unico sbocco sul Mare di Barents.

-^

Nel 1948 venne firmato tra URSS e Finlandia un patto di mutua assistenza e cooperazione, rinnovato nel 1955, anno in cui il Paese aderì all'ONU. Nel dopoguerra la politica finlandese, caratterizzata da una notevole instabilità sul piano interno, fu dominata dalla figura del presidente Urho Kekkonen, in carica fino al 1982. Durante i suoi 25 anni di presidenza (dal 1956), Kekkonen realizzò una politica di equilibrio, riuscendo a controllare fermamente la politica interna e a rafforzare i rapporti con gli altri Paesi scandinavi senza però allontanare la potenza russa, con cui rinnovò il patto di assistenza del 1948. La disgregazione dell'Unione Sovietica pose comunque la Finlandia in una condizione economica assai complessa, costringendo il Paese a ricercare una maggiore integrazione europea, concretizzatasi con l'ingresso nell'Unione europea del 1994, diventato effettivo nel 1995. Nel 1994 venne eletto alla presidenza della Repubblica Martti Ahtisaari, mentre le elezioni politiche del 1995 celebrarono il trionfo della coalizione capeggiata dai socialdemocratici e di Paavo Lipponen, nominato primo ministro. Al socialdemocratico Mauno Koivisto, succeduto ad Ahtisaari, spettò il compito di conciliare la politica tradizionalista della Finlandia con le spinte filo-occidentali che il Paese andava assumendo. Il 6 febbraio 2000 venne eletta alla presidenza la socialdemocratica Tarja Halonen, già ministro degli Esteri, prima donna a ricoprire tale carica in Finlandia. Nel gennaio 2002 il Governo si rifiutò di appoggiare la costruzione di un nuovo reattore nucleare senza l'approvazione del progetto da parte del Parlamento: la decisione governativa suscitò numerose polemiche all'interno del Paese. Il 1° gennaio 2002 l'euro divenne nuova ufficiale moneta del Paese. Le elezioni generali tenutesi nel marzo 2003 decretarono la sconfitta del Partito socialdemocratico, al Governo, a favore del conservatore Partito di centro, fino ad allora all'opposizione. In aprile fu nominata primo ministro la leader conservatrice Anneli Jätteenmäki, che guidò una coalizione costituita dal suo partito, dal Partito socialdemocratico e dal Partito del popolo svedese. La Finlandia diventò così il primo Paese in Europa a essere retto da due donne. Ma nel mese di giugno, la Jätteenmäki fu costretta a rassegnare le dimissioni, perché accusata di avere fatto uso di documenti confidenziali in campagna elettorale. Fu sostituita dall'ex ministro della Difesa Matti Taneli Vanhanen, presidente del Partito di centro. Le elezioni europee del giugno 2004 si risolsero con una parità tra i conservatori (23,7%) e i centristi (23,3%), che furono quasi raggiunti dai socialdemocratici (21,1%). Nel secondo semestre del 2006 la Finlandia, in veste di presidente di turno dell'Unione europea, si trovò a gestire una fase difficile, caratterizzata dalla crisi libanese e dall'impasse delle istituzioni europee dopo il "no" referendario di Francia e Olanda alla Costituzione, di cui Vanhanen fu uno degli autori.

-^

LE CITTÀ

Helsinki

(559.046 ab.). Capitale della Finlandia, è soprannominata "la figlia del Baltico" e "la città bianca del Nord" per il suo aspetto particolarmente moderno e per la predominanza di edifici in granito bianco. Sorge su una penisola del golfo di Finlandia, difesa dal mare da una serie di isole. La città fu fondata nel 1550 dagli Svedesi alla foce del fiume Vantaajoki e venne spostata nel 1640 di circa 5 km sulla più strategica penisola di Vironniemi. Nel 1748 l'ammiraglio svedese Ehrensvard trasformò alcune isole dell'arcipelago in fortezze considerate imprendibili. La città fu quasi completamente distrutta da un incendio nel 1808 e venne ricostruita dallo zar Alessandro I nel 1812, che trasportò la capitale da Turku a Helsinki. La ricostruzione fu caratterizzata da imponenti edifici neoclassici e, dopo l'indipendenza, l'espansione urbana venne sottoposta al controllo di piani regolatori che organizzarono l'edificazione di modernissimi quartieri periferici. Imponente è la piazza centrale Senaatintori (piazza del Senato) in stile neoclassico, progettata quasi interamente dall'architetto tedesco Karl Ludwig Engel. La piazza è dominata dalla cattedrale luterana di San Nicola; vi si erigono inoltre il palazzo del Consiglio di Stato, il monumento allo zar Alessandro II e, a sinistra della cattedrale, la biblioteca universitaria. Altri edifici notevoli sono l'antico Palazzo dello zar, costruito all'inizio del 1800 e oggi residenza del presidente della Repubblica, la piazza della stazione, con l'imponente edificio delle ferrovie, celebre opera di Eliel Saarinen (1914), e la Mannerheimintie, principale strada di uscita dalla città lungo la quale si trovano molti edifici pubblici, tra cui il palazzo del Parlamento, costruito nel 1930. Helsinki fu la sede dei Giochi Olimpici del 1952.

Tipico porticciolo a Helsinki

Helsinki: via Aleksanterinkatu

Espoo

(227.472 ab.). Città della Finlandia meridionale, 20 km a Nord-Ovest di Helsinki, di cui è città satellite. Grande centro industriale. Conserva una chiesa gotica del XV sec.e un castello, fatto costruire da Gustavo Vasa nel 1556.

Turku

(174.824 ab.). Capoluogo della provincia di Länsi-Suomi (80.976 kmq; 1.854.598 ab.), è la più antica città della Finladia; sorse all'inizio del XII sec. e divenne presto un importante centro culturale. Nel 1525 il re Gustavo Vasa nominò Turku (che significa mercato) capitale del granducato di Finlandia; la città mantenne la funzione di capitale anche durante la dominazione russa. Situata ad Ovest del fiume Aurajoki, su un terreno collinoso, Turku è fronteggiata dall'arcipelago delle Isole Åland. Il porto è uno dei principali del Paese ed è scalo marittimo della linea Stoccolma-Helsinki. La città è sede di industrie meccaniche, cartiere e tessili. L'edificio più rilevante è il castello, edificato nel 1280 e adibito oggi a museo storico. Pregevole è anche la cattedrale romanico-gotica eretta nel XIII sec.

-^

Tampere

(202.932 ab.). Città della Finlandia sud-occidentale, è situata su un dosso morenico che separa i due Laghi di Nasie Pyha, congiunti dalle rapide di Tammerkoski che forniscono una notevole quantità di energia idroelettrica. Tampere è uno dei principali centri industriali con stabilimenti tessili, metallurgici, cartari, meccanici e calzaturifici. La città fu teatro di una violenta battaglia durante la guerra d'indipendenza in seguito all'attacco del 3 marzo 1918, quando il generale Mannerheim riuscì a impossessarsi della città occupata dai Russi. Tampere è oggi una città ricca di parchi e costruzioni modernissime.

Lahti

(98.281 ab.). Città della Finlandia, 90 km a Nord-Est di Helsinki, posta all'estremità meridionale del sistema lacustre di Paijanne; è un grande centro industriale (mobili, tessiture) ed è anche la più nota stazione sciistica del Paese. Nei dintorni si combatté una decisiva battaglia per l'indipendenza finlandese. Gli edifici principali si trovano nella piazza del Mercato. Tra essi: il municipio progettato da Eliel Saarinen nel 1912, la banca nazionale e il monumento alla vittoria sui bolscevichi, costruito nel 1918.

ALVAR AALTO E LA CITTÀ MODERNA

Una delle più alte espressioni della cultura finlandese è costituita dall'architettura moderna, sviluppatasi in seguito alla necessità di ricostruire un gran numero di città distrutte dai bombardamenti della seconda guerra mondiale o da gravissimi incendi che si propagavano assai facilmente tra gli edifici urbani, spesso ancora costruiti in legno. La grande portata delle innovazioni nell'architettura si espresse attraverso la corrente funzionale, il cui intento principale era quello di creare dei centri a misura d'uomo. Helsinki, ad esempio, fu dotata di numerose città satellite che costituiscono un grande esempio di concezione urbanistica residenziale. Il maggiore esponente della corrente funzionale fu l'architetto Alvar Aalto (Kuortami 1898-1976) che può essere considerato anche il più geniale rappresentante dell'architettura contemporanea mondiale. Per le sue costruzioni Aalto ideò una nuova concezione di spazio e di forma cercando di creare una relazione tra l'interno e l'esterno degli edifici. Mediante l'impiego di elementi naturali, quali il legno e la pietra, uniti al ferro, al calcestruzzo e al vetro, egli si ripropose di riavvicinare l'uomo alla natura, superando completamente gli schemi dell'architettura del Novecento. Le sue opere più importanti sono il sanatorio di Paimio (1929-33), i complessi industriali di Toppila, Oulu e Kotka, la ricostruzione postbellica di Rovaniemi e il padiglione della Finlandia alle Esposizioni di Parigi e New York.

-^

PICCOLO LESSICO

Finni

Popolazione di origine asiatica dell'Europa nord-occidentale, divisa in Finni occidentali, di cui fanno parte i Finlandesi, e Finni orientali. La loro lingua, parlata in Finlandia, nel Finmark norvegese e in altre località della Svezia e della Norvegia, non appartiene al ceppo indoeuropeo, bensì a quello ugro-finnico; affine all'ungherese, è quindi assai diversa da tutte le altre lingue parlate in Europa. Si tratta di un idioma estremamente ricco di vocali, qualità che lo rende melodioso e adatto al canto.

Kalevala

Insieme di ballate epico-mitologiche finlandesi tramandate oralmente e raccolte da Elias Lönnrot nel 1849. Queste ballate descrivono le avventure di eroi nordici, esaltano la saggezza e le virtù familiari. Il Kalevala influenzò notevolmente la letteratura finlandese, contribuendo alla formazione della lingua nazionale.

Sauna

Antichissima consuetudine igienica finlandese. Viene praticata in capanne di travi di betulla, munite di stufe a legna sulle quali vengono poste pietre porose. Quando le pietre diventano roventi, vi si getta dell'acqua. Si crea in questo modo una grande quantità di vapore con una temperatura che oscilla tra i 60° e gli 80°. Il bagno di vapore viene di solito completato con un tuffo nell'acqua gelida o nella neve. Il violento passaggio dal caldo al freddo esercita nell'organismo un'azione rinvigorente.

-^

PERSONAGGI CELEBRI

Urho Kaleva Kekkonen

Uomo politico finlandese (Pielavesi 1900 - Helsinki 1986). Il suo nome è legato allo sviluppo della politica di neutralità attiva iniziata dalla Finlandia dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1936 fu deputato per il Partito agrario; ministro della Giustizia negli anni 1936-37 e nel 1944-46, degli Interni nel 1937-39; presidente della Camera dal 1948 al 1950; ministro degli Esteri nel 1952-53. Ricoprì già la carica di Primo ministro che aveva assunto nel 1951 e che mantenne fino al 1956, quando fu eletto presidente della Repubblica in sostituzione di J.K. Paasikivi. Nel 1981 si ritirò dalla vita politica.

Mauno Koivisto

Uomo politico finlandese (n. Turku 1923). Dopo la laurea conseguita presso l'università di Turku, iniziò a lavorare in banca. Ministro delle Finanze nel 1966, si distinse per i provvedimenti adottati per fronteggiare la grave crisi economica del Paese. Successivamente (1968) diede vita a un Governo di coalizione tra Partito agrario, socialdemocratici e comunisti, durato sino alle elezioni del 1970. Nel 1972 riassunse l'incarico di ministro delle Finanze, a cui rinunciò due anni dopo per ritornare alla Banca di Finlandia come governatore. Primo ministro nel 1979, ricoprì la carica di presidente della Repubblica dal 1982 al 1994.

Karl Gustav Mannerheim

Generale e uomo politico finlandese (Villnäs 1867 - Losanna 1951). Ufficiale di cavalleria nell'esercito russo, partecipò alla prima guerra mondiale. Ritornato in patria dopo la Rivoluzione del 1917, mentre il proletariato urbano costituiva reparti di guardie rosse, passò all'offensiva l'anno seguente abbattendo il Governo rivoluzionario costituitosi a Helsinki. Postosi a capo del Governo provvisorio, nel 1919 proclamò la Repubblica. Sconfitto nelle elezioni presidenziali si ritirò a vita privata, pur rimanendo il leader più prestigioso della destra. Comandante dell'esercito contro i Russi nel 1939, si schierò a fianco della Germania nella seconda guerra mondiale. Quando il crollo dei Tedeschi cominciò a apparire inevitabile, dando prova di notevoli abilità diplomatiche, condusse le trattative che portarono alla firma dell'armistizio nel 1944, riuscendo a contenere le conseguenze della sconfitta tedesca. Dal 1944 al 1946 ricoprì la carica di presidente della Repubblica.

-^

ALTRI CENTRI

Hämeenlinna

(47.178 ab.). Città della Finlandia, capoluogo della provincia di Etelä-Suomi (34.377 kmq; 2.127.056 ab.), sorge sulle rive del Lago Vanajavesi, tra Tampere ed Helsinki, ed è uno dei più importanti centri turistici della zona meridionale per il vicino parco nazionale di Aulanko. La città ha un aspetto molto moderno poiché è stata in gran parte ricostruita in seguito ai gravi danni causati da un incendio nel 1831; conserva però un castello del XIII sec. che diede il nome alla città.

Hyvinkää

(43.523 ab.). Città della Finlandia, posta 50 km a Nord di Helsinki; è un grande centro dell'industria laniera. Di interesse è la chiesa costruita da A. Ruusovori (1961).

Imatra

(29.728 ab.). Città della Finlandia situata sulle rive del Lago Saimaa e del suo emissario, il Vuoskijoki. È un fiorente centro industriale; le cascate di Imatra sono una spettacolare attrattiva e alimentano centrali elettriche intorno alle quali sono sorti stabilimenti metallurgici, segherie, fabbriche di prodotti chimici, di cellulosa e di carta. In un sobborgo della città sorge la chiesa delle Croci progettata dall'architetto Alvar Aalto (1958).

Joensuu

(57.558 ab.). Città della Finlandia, nella Carelia settentrionale, 50 km dal confine russo. Situata allo sbocco del fiume Pielisjoki nel Lago Pyhaselka, la città possiede industrie alimentari e del legno e derivati; nella zona vi sono grandi giacimenti di rame. È un nodo stradale e ferroviario e sede aeroportuale. Joensuu è la sede di uno dei più importanti musei regionali: la Casa della Carelia che raccoglie documenti storici e folkloristici.

-^

Jyväskylä

(83.582 ab.). Città universitaria della Finlandia, sorge sulle rive settentrionali del Lago Paijanne. Fondata nel 1837, si è sviluppata in epoca recente, essendo punto d'incontro di linee ferroviarie, stradali e di navigazione interna. A Jyväskylä si trovano un museo dedicato all'opera di Alvar Aalto, un teatro, costruito da Aalto nel 1925, e il Museo della Finlandia centrale, opera del medesimo architetto (1960).

Kemi

(22.907 ab.). Città della Finlandia, in Lapponia, costituisce un porto sul golfo di Botnia presso la foce del fiume Kemjoki. È il più grande porto della Lapponia e un importante centro della lavorazione del legno.

Kokkola

(35.888 ab.). Città della Finlandia centrale, sul golfo di Botnia. Venne fondata nel 1620 da Gustavo II Adolfo ed è sede di industrie del cuoio e dei concimi chimici.

Kotka

(54.759 ab.). Città della Finlandia, nell'omonima Isola di Kotka, è collegata alla terraferma da una diga alla foce del fiume Kymijoki, nel golfo di Finlandia. Sorta nel 1879, è il principale porto finlandese per l'esportazione del legname. Nei pressi della città si trova il centro industriale Karhula con molti edifici progettati da Alvar Aalto (1951).

Kuopio

(90.518 ab.). Città della Finlandia orientale, dotata di un attivo porto fluviale e di industrie (meccanica, lavorazione del legno). Grazie al belvedere della collina di Puijo, Kuopio è anche un frequentato centro turistico. È la sede del più importante museo ortodosso dell'Europa occidentale con rare icone, suppellettili e paramenti.

Oulu

(127.226 ab.). Città della Finlandia, capoluogo dell'omonima provincia (61.573 kmq; 460.893 ab.). Situata sul golfo di Botnia, presso la riva sinistra del fiume Oulujoki, è una delle più importanti città del Nord, sede di numerose segherie e industrie chimiche. Oulu si è sviluppata intorno al castello costruito nel 1590 dal re Giovanni III di Svezia ma l'aspetto è quello di un centro moderno essendo stata in gran parte ricostruita dall'architetto C.L. Engel dopo un incendio nel 1822.

Pori

(76.152 ab.). Città costiera della Finlandia, affacciata sul golfo di Botnia, è situata alla foce del fiume Kokemaenjoki. Fondata nel Medioevo, venne danneggiata fortemente da un incendio nel 1852. È un grande porto e centro di industrie tessili, della lavorazione del legno e della cellulosa.

-^

Finlandia - Finland

Il Meteo Europa Finlandia

Earth Quake Live - Terremoti

Cnt Rm Ingv Centro Nazionale Terremoti

-^

-^

-^

Meteo Sicilia

-^

-^

-^

Attualità Cultura Sport Territorio Eventi Economia Tradizioni Trapanesi

Rai Educational

Rai Scuola Italia

Rai Lemmi

Italia - Turismo

Italy - Italia

Rai Storia Italia

Cnt Rm Ingv Centro Nazionale Terremoti

Earth Quake Live - Terremoti

Ministero della Salute Italiano

Rai Scienze

Rai Cultura

Focus

YouTube

Documenti Slide

Documenti Yumpu

Ministero degli esteri italiano

La Farnesina - Viaggiare sicuri

U.S. Department of State

U. K. Govern

Protezione civile Governo Italia

Ministero dell'Ambiente della tutela del Territorio e del Mare

La Regione Sicilia

Euro Info Sicilia

Assessorato dello Sport

Assessorato della Famiglia

Il Carrefour Europeo Sicilia

Adnkronos

Ansa - Regioni

Commissione Europea

Informa Sicilia

Contributi Comunità Europea

La Comunità Europea

Informazioni Comunità Europea

Gazzetta Leggi in Europa

Fondo Sociale Europeo

Live Sicilia

La Sicilia

Il Giornale di Sicilia

La Gazzetta del Sud

La Repubblica

Quotidiano di Sicilia

Segnali dalle città invisibili

Messina News

La voce del Mondo rurale

Prospettive online

Palermo mania

Quotidiano Si24

Messina Ora Notizie

Messina Oggi

Messina Notizie

Il Cittadino di Messina It is better to have enough ideas for some of them to be wrong, than to be always right by having no ideas at all. Edward de Bono

Grandangolo Agrigento

Agrigento Notizie

Info Agrigento

Sicilia 24h

Agrigento Web

Agrigento Oggi

Catania Oggi

Sud Press

Catania Today

Il Fatto Nisseno

Giornale Nisseno

Blog Sicilia

Seguo News

Enna Notizie

Vivi Enna

Ragusa News

Ragusa 24

Quotidiano di Ragusa

Ragusa Oggi

Siracusa News

Siracusa Oggi

Siracusa Times

Trapani Ok

Trapani Oggi

Italia in Digitale Terrestre

T-vio Notizie in Tempo Reale

Trapani Tp24

Rumpiteste Wordpress Blog

Tse Tele Scout Europa Tv

Antenna Sicilia

Telecolor

Tele Video Agrigento

Tele Acras

Agrigento Tv

Sicilia Tv Favara

Tele Radio Sciacca

Enna Tv

Rei Tv Acireale

Rtp Tv Messina

Onda Tv Messina

Tele Iblea

Tele Iblea

Video Mediterraneo

Sicilia Uno

Alpa Uno

Telesud3 TP

Action 101 Radio

Radio Mia

Dabliu Radio

Radio In 102

Radio Margherita

Prima Radio Net

Rgs Gds

Reporter Neomedia Radio

Radio Time

Radio Alcamo Centrale

Radio Amica

Gruppo Radio Amore

Radio Amore Net

Radio Amore Italia

Antenna Uno Radio

Radio Antenna Iblea

CL 1 Radio

Radio Video City

Radio Gruppo Fantastica Cuore

Etna Radio

Radio Dimensione Musica

Doc Radio

Radio Empire

Radio Rebs Online

Radio Rete 94

Radio Flash Fm

Radio Fm Classic

Radio Fm Italia

Radio Gela Express

Radio Gemini

Radio In Agrigento

Radio Luce Net

Radio Messina International

Radio Messina Sud

Radio Milazzo

Radio Etna Espresso

Radio Palermo Centrale

Radio Panorama

Radio Planet Music Net

Radio Rcv

Radio Acicastello Online

Radio Sicilia Express

Radio Smile

Radio Splash

Radio Street

Radio Studio 105

Radio Studio 7

Radio Studio 90 Italia

Radio Studio Centrale

La Sicilia Web

Tele Monte Kronio

Radio Torre Macauda

Radio Touring

Radio Rtm

Radio Universal Fm

Radio Vela

Radio Zammu

Meteo Sat Europe-It

-^

-^

in trapaninfo.it disclaim Richiesta inserimento eMail@webmaster -^up^

Trapaninfo.it statistics
Web Trapanese eXTReMe Tracker
Web Trapanese free counters

gbm w3c

Ai sensi dell'art. 5 della legge 22 aprile 1941 n. 633 sulla protezione del diritto d'autore, i testi degli atti ufficiali dello Stato e delle amministrazioni pubbliche, italiane o straniere, non sono coperti da diritti d'autore. Il copyright, ove indicato, si riferisce all'elaborazione e alla forma di presentazione dei testi stessi. L'inserimento di dati personali, commerciali, collegamenti (link) a domini o pagine web personali, nel contesto delle Yellow Pages Trapaninfo.it (TpsGuide), deve essere liberamente richiesto dai rispettivi proprietari. In questa pagina, oltre ai link autorizzati, vengono inseriti solo gli indirizzi dei siti, recensiti dal WebMaster, dei quali i proprietari non hanno richiesto l'inserimento in trapaninfo.it. Il WebMaster, in osservanza delle leggi inerenti i diritti d'autore e le norme che regolano la proprietà industriale ed intellettuale, non effettua collegamenti in surface deep o frame link ai siti recensiti, senza la dovuta autorizzazione. Il webmaster, proprietario e gestore dello spazio web nel quale viene mostrata questa URL, non è responsabile dei siti collegati in questa pagina. Le immagini, le foto e i logos mostrati appartengono ai legittimi proprietari. La legge sulla privacy, la legge sui diritti d'autore, le regole del Galateo della Rete (Netiquette), le norme a protezione della proprietà industriale ed intellettuale, limitano il contenuto delle Yellow Pages Trapaninfo.it Portale Provider Web Brochure e Silloge del web inerente Trapani e la sua provincia, ai soli dati di utenti che ne hanno liberamente richiesto l'inserimento. Chiunque, vanti diritti o rileva che le anzidette regole siano state violate, può contattare il WebMaster. Note legali trapaninfo.it contiene collegamenti a siti controllati da soggetti diversi i siti ai quali ci si può collegare non sono sotto il controllo di trapaninfo.it che non è responsabile dei loro contenuti. trapaninfo.it

-^

Copyright (c) 2002-19 trapaninfo.it TP Comuni