eXTReMe Tracker
Tweet

Quieto, Lùsio.

Generale mauro. Durante l'Impero di Domiziano divenne prefetto della cavalleria formata dagli ausiliari provenienti dalla Mauritania. Perso il grado in seguito a un'accusa di corruzione, fu reintegrato nel servizio al momento dell'ascesa al potere di Traiano. Seguì l'imperatore durante le guerre da questi sostenute in Dacia. Conquistò le città fortificate di Singara, Nisibi ed Edessa, riuscendo a strappare ai Parti il controllo della Mesopotamia. In questa regione represse sanguinosamente una ribellione promossa dalla minoranza ebraica. Nel 117 Traiano lo nominò senatore e quindi governatore della Giudea. Alla morte di Traiano entrò in urto con il nuovo imperatore Adriano, che lo privò di tutti i suoi incarichi e lo rimandò in Mauritania. Messosi a capo di una congiura militare per eliminare l'imperatore, fu scoperto e condannato a morte con i suoi complici (m. 118).